Intervista ad Alessandro di Pulire e Riciclare

Consigli di Pulizia

1 – Che ruolo ricopri all’interno di Pulire e Riciclare? Da quanto tempo?

Oggi sono un Tecnico, ma non è sempre stato così.
Sono venuto in Italia dal Brasile nel 2006 e ho scoperto Pulire e Riciclare tramite due amiche che ci lavoravano. Ho conosciuto il titolare, Marco Corsini, e ho avuto la possibilità di iniziare un percorso lavorativo in questa impresa di pulizie. Sono partito come addetto alle pulizie nella squadra esterna dove ho imparato a conoscere tutti i metodi, attrezzature, prodotti e macchinari utilizzati per le pulizie civili e industriali.

Nel tempo Pulire e Riciclare è cresciuta come impresa e mi è stato offerto il ruolo di Tecnico. Visto da fuori sembrerebbe un lavoro facile ma secondo me è uno dei più difficili in azienda perché è suo compito mettere d’accordo tre parti. Bisogna rispondere alle esigenze del cliente, soddisfare gli interessi del titolare e organizzare il lavoro dei collaboratori e conciliare nel migliore dei modi tutte e tre le parti non è sempre facile.
Tuttavia è un lavoro che anche se richiede molte attenzioni mi dà tanto e dopo tutti questi anni mi sento parte della storia di questa impresa. Sono molto soddisfatto di far parte della squadra di Pulire e Riciclare e sono riconoscente al signor Corsini per l’opportunità che mi è stata data.

2 – In questi mesi c’è stata una grande confusione tra concetti come pulizia, sanificazione all’ozono e disinfezione, facciamo un po’ di chiarezza!

Di fronte al momento di emergenza sanitaria che stiamo vivendo le imprese di pulizie si trovano ad affrontare tutti i giorni diverse richieste da parte dei clienti. Noi di Pulire e Riciclare consideriamo le pulizie, la sanificazione all’ozono e la disinfezione ognuno il completamento e il miglioramento del precedente.
 Pulizie: sono l’insieme di operazioni per togliere lo sporco visibile di qualsiasi natura (polvere, grasso, liquido, organico) e da qualsiasi ambiente, superficie, macchinari ecc. con la rimozione
manuale o meccanica grazie ad acqua e/o detersivo;
 Disinfezione: dopo una corretta e accurata pulizia si applicano sulle superficie, ambiente, macchinari ecc. agenti disinfettanti in grado di ridurre il carico microbiologico distruggendo i
microorganismi patogeni;
 Sanificazione all’ozono: è l’ultimo tassello perché in un ambiente pulito l’ozono è in grado di purificare l’aria presente negli ambienti eliminando e/o inattivando virus, batteri, muffe e cattivi
odori in maniera ecologica senza l’utilizzo di prodotti chimici.

3 – Quali consigli daresti ad un’azienda in procinto di chiedere un preventivo ad un’impresa di pulizie?

Il settore delle pulizie oggi offre un’ampia scelta di imprese. Il mio consiglio è di affidarsi a quella che fa più al caso tuo! Come fare? Scegliere quell’impresa che sappia cogliere le tue esigenze e accogliere le tue richieste al meglio rispettando il budget che si mette a disposizione. Inoltre è importante che l’impresa di pulizie abbia una buona reputazione in fatto di professionalità, qualità e precisione, che utilizzi i prodotti giusti e che garantisca un personale competente e in regola. Quindi scegliere un’impresa di pulizie è come scegliere un partner, bisogna fidarsi e affidarsi ad essa mantenendo aperto il dialogo per rispondere ad ogni richiesta.

 

Articolo precedente
Le pulizie nel settore della logistica
Articolo successivo
Le pulizie quotidiane negli uffici di Verona e Provincia
Menu